Parte 67

“ Voglio un Dio all’altezza dei miei peccati. Voglio un Dio per espiare ogni mia colpa. Voglio un Dio per dare un senso ad ogni mio insensato gesto. Voglio un Dio che sia un pretesto. Voglio un Dio solo come voglio io, la sconclusionata conclusione di ogni mia parola sciolta. Voglio un Dio che lo sia solo una volta. Per questo raccolgo un fiore, così da vestirmi della sua bellezza agli occhi della mano a cui lo dono, così che la sua lenta morte decadente sia poi un banale sorriso fugace altrui. E un po’ muoio anch’io. Creo regole per dare un ordine, perché il mio Dio, in fondo, voglio essere io. E ne creo talmente tante che se le pianto poi non le vedo, e disegno confini, e frontiere, e limiti di ogni forma soltanto per scavalcare il pensiero di non poterli scavalcare, e se non li vedo non esistono. Creo perché io sono libero di decidere di rinchiudere la mia libertà in questo recinto, e ciò che fingo di non vedere al di là di tutto questo, per me, muore. E un po’ muoio anch’io. Vedo Dio in ogni cosa, e lo ringrazio ad ogni mio respiro per il mio respiro stesso. Per questo tiro fino a non avere più le forze, fino a strappare un albero, che è vita, così che la mia vita possa nascondersi con orgoglio tra fumo e cemento, e la carcassa di quell’albero possa esser tetto per la mia quando il mio respiro non troverà più aria per ringraziare Dio per il mio respiro stesso. Allora tiro, e tiro, e tiro ancora, e a ogni strappo l’albero muore, e con lui, un po’, muoio anch’io. Soccorro ogni mio ferito perché Dio mi ha detto che la vita è un suo dono, e in quanto tale non c’è niente di più importante. Per questo armo ogni mio giorno per difendere con la guerra una pace resa instabile da ogni altra mia guerra, mentre la gente muore per la propria vita, e mentre un po’, con loro, muoio anch’io. Penso quindi esisto, e più penso più esisto, e quindi penso che questa mia esistenza sia il frutto del volere del mio Dio. Per questo smetto di pensare. E più muore il mio pensiero, più lento, a poco a poco, muoio anch’io. Sono un uomo, non un Dio. Per questo mi maschero di fronte allo specchio, così che possa non vedere ciò che sono. Perché io uomo voglio un Dio e allo stesso tempo voglio esserlo io. E mentre il mio Dio in tutto questo muore, consapevole della mia inconsapevolezza, lentamente, a poco a poco, muoio anch’io.”

E.B.


6 risposte a "Parte 67"

  1. Ho letto alcune tue Parti, e poi mi sono soffermata su questa, e pensavo che se qualche divinità passasse di qui, forse troverebbe anche il tempo di farci cadere addosso un po’ di stelle.

    1. Che tu abbia letto parte di me e che ti sia soffermata qui è già al contempo la mia divinità e la mia umanità. Perciò grazie. E se poi qualche Dio passasse di qui forse dovrebbe trovare un po’ di tempo per spiegarci tante cose…

    1. Volentieri, se dovessi incontrarlo. Anche se, purtroppo, ho la strana sensazione che anche lui faticherebbe a dare risposte sensate ad alcuni nostri comportamenti. E intendo nostri di tutti. Però chissà…

  2. La prima frase mi ha letteralmente folgorato. Bellissima. Tutto il pezzo mi ha detto molto, ma quella prima frase devo ammetterlo, mi ha detto ancora di più, è come se racchiudesse tutto e non solo di quello che hai scritto, ma di molto di quanto ho pensato io finora.

    1. Sapere che c’è qualcuno che ha dentro cose simili, se non uguali, a quelle che ho dentro io è rassicurante, e sapere che le mie parole sono state in grado di folgorarti, seppur a tratti, è decisamente gratificante. E ti ringrazio di essere passata di qua. Ho dato uno sguardo al tuo spazio e la presentazione, Chi È Tersite, mi è piaciuta molto. A presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...